Archivi

GLI STATI UNITI SONO RIDOTTI ALLA DISPERAZIONE

obama-s DI DMITRY ORLOV

cluborlov.blogspot.it  (da comedonchisciotte.org)

I leaders degli Stati Uniti sanno benissimo che i giorni del loro paese come “più grande produttore mondiale di petrolio” si misurano ormai in settimane o in mesi, e non in anni.

Nel corso del 2014 il prezzo del petrolio è caduto da oltre 125 a circa 45 dollari al barile, e potrebbe ulteriormente calare per poi risalire di nuovo, salvo cadere e risalire ancora. Questo tanto per rendere l’idea.

Il selvaggio saliscendi del mercato del petrolio, quello ancor più selvaggio dei mercati finanziari, la crisi valutaria, la bancarotta delle società energetiche e quella degli istituti che le hanno finanziate, il default dei paesi che le hanno sostenute … porteranno l’economia industriale al collasso……. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

1950, benvenuti nella nuova era dell’Antropocene

Da: ilcambiamento.it

Un nuovo dossier dell’International Geosphere-Biosphere Programme, in collaborazione con lo Stockholm Resilience Centre, fissa l’inizio della Grande Accelerazione agli anni Cinquanta del Novecento. Nel video, tradotto dalla nostra redazione e reso disponibile al pubblico italiano, un viaggio di 3 minuti attraverso gli ultimi 250 anni della nostra storia.

di Massimo Nardi – 22 Gennaio 2015

Il titolo del dossier è “The trajectory of the Anthropocene: The Great Acceleration”, pubblicato pochi giorni fa sull’Antrophocene Review, e condotto dall’International Geosphere-Biosphere Programme (Igpb), in collaborazione con lo Stockholm Resilience Centre. Il nucleo del discorso è il seguente: a partire dagli anni ’50 del Novecento, la Terra è entrata in una nuova era, denominata Antropocene, a causa della “Grande Accelerazione” dell’attività umana, soprattutto quella economica, che rappresenta la causa principale del cambiamento del sistema Terra, inteso come somma dei processi fisici, chimici, biologici ed umani in interazione tra loro. «Nel giro di una generazione – afferma il Professor Will Steffen, che ha guidato il progetto – l’umanità è diventata una forza geologica su scala planetaria». …………………….. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

American Sniper: l’industria della propaganda

Da: luogocomune.net

di Fefochip

Di recente sono andato a vedere American Sniper. Lo so cosa state pensando: ma chi te lo ha fatto fare?

Che vi devo dire, ormai non vedo più i trailer altrimenti mi brucio i film, le recensioni sono inaffidabili e purtroppo anche le opinioni degli amici lasciano molto a desiderare. Fatto sta che un pò per uscire di casa, un pò per dare la possibilità a un film americano di sorprendermi, ci sono andato.

Il film è iniziato ponendo subito il protagonista in un dubbio amletico: che faccio, ammazzo un bambino se sta per lanciare una bomba sui miei compagni? Il regista, furbo come una faina, fa un flashback per farci capire come il protagonista sia finito in quella situazione di merda.

La storia del protagonista non può che essere quella del più banale cowboy bisteccone che, visto che la sua vita è la quintessenza della mediocrità, si arruola per servire la Patria. Gli fanno il solito training che piace tanto agli ammericani, dove tra una flessione e una vessazione del sergente-tanto-cattivo si forgiano i veri uomini (sembrano riecheggiare nelle nostre orecchie le parole del celebre sergente inquadratore: dal Texas arrivano solo tori da monta o froci no?).

Arriva l’11 settembre e quindi il protagonista, un super-cazzuto Seal tiratore scelto, parte per l’Iraq.

Il flashback finisce, il regista ci riporta al presente, e vediamo che il ragazzino è armato dalla mani della madre (?) con una bomba……………. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

Facebook apre la strada ai debunkers

cicap01Da: luogocomune.netfbcensored

Piano piano, quatto quatto, il debunking di regime sta per arrivare anche su Facebook.

I responsabili di FB infatti hanno deciso di introdurre un nuovo sistema di filtratura, che permetterà di segnalare ai lettori le presunte notizie-bufala trovate sulle loro pagine.

Naturalmente Facebook si lava immediatamente le mani (la classica excusatio non petita) da qualunque sospetto di censura, dicendo che saranno i lettori stessi a segnalare le bufale da evidenziare. Ecco come FB presenta la novità sulla propria pagina di news:

“Molta gente ci dice che vogliono vedere circolare meno storie false, o comunque meno notizie distorte. L’aggiornamento del News Feed ridurrà la diffusione di post che i lettori avranno segnalato come “bufale” (“hoaxes”), e aggiungerà una notifica ai post che avranno ricevuto molteplici segnalazioni di questo tipo, in modo da allertare gli altri lettori di Facebook. Noi non rimuoveremo le notizie che la gente denuncia come false, nè saremo noi a valutarne i contenuti o a determinarne l’accuratezza”.

Certo che no. Saranno quelli del CICAP a farlo, ci potete scommettere. Già possiamo immaginare orde di cicappini di mezzo mondo che si organizzano e iniziano a battere sistematicamente le pagine di FB, per poi intervenire in massa su qualunque notizia “loro” decidano che sia falsa…………….. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

PERCHE’ LA GERMANIA CONTINUA A RIMPATRIARE IL SUO ORO DA USA E FRANCIA ?

o.191096 da: comedonchisciotte.org

FONTE: RT.COM

La Banca centrale tedesca, la Bundesbank, continua a rimpatriare le sue riserve d’oro depositate presso la US Federal Reserve e la Banca di Francia.

Secondo un comunicato stampa rilasciato dalla Bundesbank, nel 2014 è stato rimpatriato a Francoforte un totale di 120 tonnellate di oro. Di queste, 35 tonnellate di oro sono stati rimosse dalla Banca di Francia a Parigi e 85 tonnellate dalla Federal Reserve Bank di New York. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

L’ITALIA CHE VA A PUTTANE

IMG_1462~0DI PAOLO CARDENA’

vincitorievinti.com  da comedonchisciotte.org

La crisi, che si protrae ormai dal 2008, ha determinato l’esplosione dei debiti sovrani pressoché in quasi tutti iPaesidell’eurozona. Molti Stati, tra cui l’Italia, sono in uno stato di conclamata bancarotta. Tuttavia, grazie all’azione delle banche centrali, vengono mantenuti appositamente in una vita apparente, per più tempo possibile, al solo fine di rimborsare i creditori grazie ad azioni di esproprio (1) perpetrate verso chi ha avuto l’arguzia e la capacità di accumulare qualche risparmio o qualche forma di benessere……………………………………. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

DIAGNOSI CON BIO-SCANNER: IL FUTURO È GIÀ QUI

Da: nexusedizioni.it

Il bio-scanner ESO-MED 8G: una tecnologia da Star Trek per la diagnosi delle neoplasie.

ESO-MED 8GPer uno strano caso, a distanza di un giorno, ho accompagnato mia madre e il mio ex compagno per una visita urologica in due ospedali diversi.
Mia madre, che si era già sottoposta pochi giorni prima alla visita ginecologica per un controllo di routine in un ospedale della provincia di Milano, era stata poi inviata dallo stesso ginecologo all’urologo per un ulteriore consulto, il quale paradossalmente l’ha poi rimandata a un secondo ginecologo per eseguire una ecografia trans vaginale. Tre specialisti in pochi giorni (visite effettuate con S.S.N) e oltre due mesi di attesa per avere una diagnosi (con l’esito dell’ecografia, dell’urinocoltura e del PAP test) attestante che tutto era a posto.
Il mio ex compagno invece, dietro mio suggerimento, ha scelto di prenotare una visita privata alla Columbus di Milano con il Dottor Carlo Bellorofonte urologo e andrologo il quale lo ha ricevuto dopo soli 2 giorni.
È stata una sorpresa e un grande sollievo per lui, scoprire che invece dell’imbarazzante esplorazione rettale con ecografia prostatica trans rettale, come avviene di consueto (immaginiamo quanto più imbarazzante siano questo tipo di visite per gli anziani), il dottor Bellorofonte in pochi minuti e con un costo accessibilissimo, ha fatto la sua diagnosi avvalendosi di un’apparecchiatura degna di Star Trek che, oltretutto, non si limita a rilevare neoplasie nella sola zona genitale (la prostata nello specifico) ma l’indagine si è estesa a tutti gli organi del corpo senza nemmeno togliersi i vestiti………………………………………… Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

PUTIN SANZIONA PESANTEMENTE GLI USA: L’INTERA RUSSIA ESCE DAL CIRCUITO VISA – MASTERCARD

04674_putin_visa_mastercardDa: Nexusedizioni.it

Altra straordinaria mossa da scacco matto di Putin, dopo quella di usare la valuta cinese e non più l’euro o il dollaro americano come valuta di riserva: l’intera Russia esce dal circuito Visa – Mastercard e si organizza per avere le proprie carte di credito!
Questa decisione – finanziariamente vantaggiosissima per la Russia – produce un danno clamoroso ai colossi americani del pagamento con carta di credito: perdono in un colpo solo 100 milioni di clienti.
La decisione di Putin nasce perché Obama ha dato ordine a Visa e Mastercard di bloccare le transazioni in Russia. Solo che, questa decisione si è rivoltata come un boomerang contro i colossi americani che non si aspettavano che al Russia fosse pronta – in pochi giorni – a sostituirli.
———————- Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

QUANDO E’ SATANA A DETTARE LE REGOLE!

angeljesusda SL  di Gianni Tirelli

L’eccezione, non solo conferma la regola, ma non esiste regola senza l’eccezione. Ma quando è l’eccezione a divenire la regola, allora tutto l’impianto sociale in precedenza formulato, sancito, e reso operativo, perde la sua forza originaria, mortificandone i presupposti e gli scopi. In questa condizione, tutto è relativizzato, e la verità cessa di essere parametro assoluto di comparazione e obiettivo da perseguire, ma subalterna del mero interesse particolare – che sia di natura materiale, psicologica o psichiatrica.

L’eccezionale ribaltamento delle regole preesistenti, che fin dall’origine, l’uomo, riteneva la condizione irrinunciabile senza la quale nessun processo vitale avrebbe mai potuto materializzarsi, ha portato “le eccezioni” ad essere modello da perseguire, in tutte le forme, interpretazioni e suggestioni; la moderna cultura di quel Liberismo che, sulla licenza, sull’abuso, e sull’impostura, ha sugellato il suo perverso potere e la sua indole necrofila. Tutto questo, facendo leva sugli istinti e lati peggiori, e più recessi dell’individuo perché, solo avendoli soddisfatti a pieno, potrà essere se stesso fino in fondo………….. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

Un sindaco in mutande. Intervista a Luigi Lucchi

luigilucchiHa preso parte a una trasmissione in tv in boxer e fascia tricolore per far capire ai cittadini che “lo Stato ci lascia in mutande”. Ha scritto, protestato, manifestato contro l’aumento della pressione fiscale che trasforma i sindaci in gabellieri. E’ Luigi Lucchi, il sindaco di Berceto.E secondo lui in questo modo non si può più andare avanti.

di Massimo Nardi          da: http://www.ilcambiamento.it/

Scriveva Jack Kerouac nel libro On the Road: “Per me l’unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi di ogni cosa allo stesso tempo…”. Luigi Lucchi lo fa ricordare; lui è sindaco a Berceto, un Comune nella provincia di Parma. Ha partecipato alla trasmissione Piazza Pulita in mutande e con la fascia tricolore a tracolla; ma non ci si deve lasciare ingannare, lui è lucidissimo. Con piglio deciso e naturale, esternava, da una balconata di fronte a Corrado Formigli, tutto il suo disappunto nei confronti della Tares che, affermava, «avrà effetti superiori all’Imu e ci lascerà tutti in mutande». Un pazzo? Un esaltato? Uno che vuole solamente mettersi in mostra? A sentirlo parlare, soprattutto alla luce degli ultimi fatti politici, sembrerebbe il contrario. Ovvero un uomo, un sindaco, che pur di farsi ascoltare, arriva a gesti stravaganti. Se si pensa che è un montanaro e che è stato eletto nel 2009 a capo di una lista civica dal nome “Idee e Tenacia”, qualcosa forse lo si poteva intuire………………… Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone