Archivi

PROVATE…

expo2DI CARLO BERTANI

carlobertani.blogspot.it

Provate a dire ad un giovane che la sua vita, dai suoi anni fino alla vecchiaia, sarà pagata meno di 1.000 euro il mese, per sempre, così, sogni e bisogni, tutto in quei 1.000 euro, o meno.

Provate a dire ad un giovane che studiare serve a poco. Lui sa benissimo il perché: poiché, pur bravo diventi, sarà sbeffeggiato dal figlio del Direttore Generale, del Primario, del Giudice…che gli passerà davanti senza nemmeno guardarlo, mentre s’accomoda in un posto dove non dovrà fare nulla, solo obbedire ai comandi dall’alto. E guadagnare.

Provate a dire ad un giovane che quella mostra, l’Expo, sarà una virata verso il bel tempo, che l’economia si risolleverà: si metterà a ridere, perché sa benissimo che la deindustrializzazione dell’Italia fu decisa, in ambito europeo, molti anni fa. Ascoltate persone che sapevano come Nino Galloni: lui lo ha fatto, voi non sapete nemmeno chi sia Nino Galloni……………… Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

EXPO 2015: GOOD BYE, ITALIA …

expo2015_logoDI ROSANNA SPADINI

comedonchisciotte.org
Mentre RaiNews24, servizio pubblico nepalese, sta diffondendo da due giorni dirette in tempo reale con Katmandu, per il devastante terremoto che ha colpito duramente quei territori, strumentalizzando la catastrofe umanitaria con scene particolarmente empatiche, processi virtuali distraenti,  accanimento mediatico, e logica assorbente dell’infotainment (la tv del dolore),  intanto sugli altri canali d’intrattenimento, come in un vero e proprio “talent show”, Foody e i suoi amici, le mascotte di Expo Milano 2015, comunicano allegria con le loro storie iperreali: Josephine Banana, Piera la Pera, Rodolfo il Fico, Gury l’Anguria, Manghy il Mango, Pomina la Mela, i Rap Brothers, Guagliò l’Aglio, Arabella l’Arancia, Max Mais, Chicca la Melagrana e Julienne Zucchina. L’informazione/spettacolo deve continuare, anzi distrarre ……………………………. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

L’IPERSESSUALITÁ NELLA SOCIETÁ CONTEMPORANEA

sesso-uomo-donnaArticolo fonte: http://www.nexusedizioni.it/it/CT/lipersessualita-nella-societa-contemporanea-4723

I sessuologi oggi non considerano più un disturbo la vecchia ninfomania per le donne e la satiriasi per l’uomo: piuttosto si parla sempre più di ipersessualità, vale a dire un disturbo compulsivo che porta a una fortissima dipendenza dal sesso, caratterizzato da masturbazione compulsiva, esibizionismo (o per converso insicurezza fisica), voyerismo, difficoltà relazionali e senso di oppressione.
In alcuni casi più gravi l’ipersessualità porta alla totale perdita di controllo di tutti gli aspetti della propria vita (familiare, professionale, amicale e in primis sentimentale) e può provocare disturbi quali ansia e/o bipolarismo (a volte è vero anche il contrario, ovvero sono questi disturbi che sopraggiungono per primi).
Per capire quando l’ipersessualità diventa patologica (quando non si tratta più di sessualità “intensa” insomma) sono stati elaborati alcuni test negli Stati Uniti, il più famoso dei quali si chiama SAST, ovvero Sexual Addiction Screening Test, consistente in una batteria di 20 domande diverse per uomini e donne, mirate a capire se il comportamento sessuale del soggetto è come si suol dire addicted. Se si risponde in maniera positiva a più di 13 domande, ci si può definire sessodipendenti, e si necessita di un sostegno medico e psicologico adeguato………………………………. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

L’OPERAZIONE “FUCK PUTIN” SBATTE CONTRO UN MURO. COME L’ECONOMIA RUSSA TORNA A CRESCERE

Vladimir PutinDI MARK CHAPMAN

informationclearinghouse.info

Take me back won’t ya
Take me back won’t ya;
I’ll change my ways
Take me back won’t ya
Take me back won’t ya;
I’m not the same…

Bryan Adams, dalla canzone “Take Me Back”

Paul Robinson mi ha inviato un link ieri che mi ha fatto schiantare dalle risate. Ricordate quella scena di “Ritorno al futuro”  dove una macchina di bulli che sta inseguendo Michal J.Fox su uno skateboard improvvisato finisce per urtare un camion pieno di letame bovino fresco e tutti bulli saltano dalla capote aperta e finiscono catapultati dentro? Divertente! O la scena di “Racconto di Natale” dove Ralphie Parker, imprecando rosso di rabbia salta sul bullo Scut Farkus come un gatto selvatico fatto di peyote e lo riduce in lacrime? Giustizia poetica, che cosa fantastica………………………… Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

ASPETTANDO IL PARTITO DELLA NAZIONE

Renzi-Mattarella-ItalicumDI FEDERICO DEZZANI

federicodezzani.altervista.org          (da: comedonchisciotte.org)

La situazione economica e finanziaria dell’Italia ha raggiunto livelli critici, inducendo Washington a moltiplicare gli sforzi per controllare la politica interna: l’elezione di Sergio Mattarella al Quirinale conferma la ferrea presa americana sulla penisola. Il PD è ancora in testa ai sondaggi, grazie alla complice passività dei due principali partiti extra governativi, Forza Italia e Movimento 5 Stelle, ma le riforme costituzionali rendono sempre più difficile la convivenza all’interno del PD tra Renzi e la componente di sinistra.
Lo scandalo mediatico che coinvolge Massimo D’Alema è propedeutico all’epurazione degli ex PCI e DS ed alla nascita del Partito della Nazione: la delega per la gestione del Paese sarà così affidata ad un partito plebiscitario costruito attorno al leader. Le incognite sono molte e l’esito imprevedibile.

La situazione economica e finanziaria

Sono trascorse cinque settimane dell’avvio dell’allentamento quantitativo della BCE e l’unico settore ad averne tratto benefici significativi è, ça va sans dire, quello finanziario: acquistando titoli di stato emessi dai Paesi dall’eurozona (di cui l’80% è però riversato sulle rispettive banche centrali nazionali), Francoforte ha infatti alimentato una bolla paragonabile a quella della Federal Reserve, sebbene si differenzi da questa per lo sbocco speculativo………………………………… Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

Airbus – la tragedia “impensabile”

alubitz

Da: luogocomune.net

Adesso nemmeno più dei piloti ci possiamo fidare.

Grazie alle norme di sicurezza introdotte dopo l’11 settembre, abbiamo scoperto che l’ingresso in cabina degli aerei commerciali può avvenire soltanto con il consenso dei piloti che si trovano al suo interno. E se per caso uno dei piloti rimane da solo in cabina, quello fuori non può più rientrare a meno che il primo glielo consenta.

Chi ha progettato questo sistema non è stato così stupido da non prevedere che il pilota rimasto in cabina possa improvvisamente sentirsi male, per cui hanno lasciato a chi si trova fuori la possibilità di intervenire in caso di emergenza, con un codice numerico segreto. Ma a sua volta, se il pilota all’interno lo desidera, può disabilitare l’intervento con il codice numerico, e quindi restarsene chiuso dentro fino a quando pare e piace a lui.

Geniali davvero, gli “addetti alla sicurezza” che hanno concepito questo sistema di chiusure per le cabine di pilotaggio: hanno pensato a tutto, ma non hanno previsto che un pazzoide desideri improvvisamente prendere il controllo dell’aereo, e farne quello che vuole lui.

Pensate soltanto che cosa succederà nella mente di un qualunque capitano, da oggi in avanti, quando si alza dal suo posto di comando per andare in bagno a fare la pipì: ……………… Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

IL CULO (POLITICO) DI RENZI

renziDI EUGENIO ORSO

pauperclass.myblog.it                                                                                                                                                                                                        da: comedonchisciotte.org

Il culo politico di Renzi, al quale tutto sembra andare abbastanza bene, nonostante la sostanza antisociale, depressiva e oligarchica delle sue politiche, dipende sostanzialmente da quattro fattori, senza i quali lo stesso sarebbe già stato linciato dalla popolazione (accadimento che mi riempirebbe di gioia) e il pd brutalmente sterminato in tutta la penisola (con la mia benedizione).

Quali sono questi fattori, a causa dei quali Renzi e l’immondissimo pd regnano incontrastati per conto troika?

Presto detto. Sono i seguenti, in ordine cronologico come da esposizione: Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

A LA GUERRE, COMME A LA GUERRE

imagesDI FULVIO GRIMALDI

fulviogrimaldi.blogspot.com

Il suono più stridulo uscito dal concerto di questi terroristi globali, che pretendono di armarsi contro il terrorismo made in Cia-Mossad, cioè a casa loro, lo ha emesso, dal settore italiano della rete fognaria in cui scarica l’Impero, un trio di cretini con pericolosi lampi di imbecillità. Sono i titolari rispettivamente: di un governo cui la Costituzione impone di provvedere al benessere, all’amicizia con i popoli, alla pace; di un ministero che ha il compito di tradurre in atto quell’amicizia e quella pace tra i popoli; e di un altro ministero cui spetta assicurare ai cittadini sicurezza e difesa dalle insidie.

Renzi, Gentiloni, Pinotti, rispettivamente Von Klausewitz, Richelieu e Rommel alla panna montata. Sorcini di campagna che si affannano a emulare le pantegane che governano la rete………………. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

UN MONDO DI MATTI

211408_1David Icke: l’inganno della percezione. Negare il consenso a questo mondo pazzo

Stampa (da stampalibera.com)l-inganno-della-percezione-libro-87075
Pubblicato: 25 Gennaio 2015
Scritto da Cristina Bassi http://thelivingspirits.net
David-Icke-Quotes-4

 

Il mondo è clinicamente pazzo e dobbiamo al più presto prendere atto di questa pura verità. Questo deve essere il punto di partenza di ogni indagine sulla natura di questa ‘realtà’. Inizia altrove, e la trama è talmente lunga da non non poter essere più ricostruita. Quindi ecco la 1 lezione: il mondo è impazzito … andato, sbarellato. Nessuna rockstar è mai stata anche solo lontanamente così fuori……………… Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

SERGIO MATTARELLA E UN PAESE CHE SI SPEGNE NEL SILENZIO

Quirinale: Mattarella ancora a Consulta,lascia sala annuncioFONTE: SENZASOSTE.IT

L’elezione di Sergio Mattarella a dodicesimo Presidente della Repubblica italiana si è svolta ancora secondo riti cerimoniali piuttosto consolidati. Prima di tutto si tratta di una figura tutta interna ad una carriera nelle istituzioni della prima repubblica. Come, nella seconda repubblica, era già accaduto per Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano. Oltretutto siamo di fronte ad un presidente di chiara matrice democristiana, già ministro dei governi Goria, De Mita e Andreotti. Come dire, a quelle altezze il berlusconismo, figuriamoci la Lega o il Movimento 5 Stelle per non parlare della sinistra post-muro, altro non sono che fenomeni che si agitano confusamente sulla lontana superficie.

Fenomeni che hanno certamente cambiato i partiti in cartelli elettorali, o i quadri politici in figure incerte tra il management di voti e il procacciamento di affari, ma che non hanno, almeno fino ad oggi, modificato sostanza e codici di riproduzione del ceto politico e amministrativo fatto di grand commis di stato. Del resto se l’infrastruttura di ministeri importanti è ancora in mano a dirigenti della prima repubblica, o comunque con evidente taglio formativo di quel periodo, non c’è affatto da stupirsi di vedere un presidente Dc………………. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone