Archivi

A LA GUERRE, COMME A LA GUERRE

imagesDI FULVIO GRIMALDI

fulviogrimaldi.blogspot.com

Il suono più stridulo uscito dal concerto di questi terroristi globali, che pretendono di armarsi contro il terrorismo made in Cia-Mossad, cioè a casa loro, lo ha emesso, dal settore italiano della rete fognaria in cui scarica l’Impero, un trio di cretini con pericolosi lampi di imbecillità. Sono i titolari rispettivamente: di un governo cui la Costituzione impone di provvedere al benessere, all’amicizia con i popoli, alla pace; di un ministero che ha il compito di tradurre in atto quell’amicizia e quella pace tra i popoli; e di un altro ministero cui spetta assicurare ai cittadini sicurezza e difesa dalle insidie.

Renzi, Gentiloni, Pinotti, rispettivamente Von Klausewitz, Richelieu e Rommel alla panna montata. Sorcini di campagna che si affannano a emulare le pantegane che governano la rete………………. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

UN MONDO DI MATTI

211408_1David Icke: l’inganno della percezione. Negare il consenso a questo mondo pazzo

Stampa (da stampalibera.com)l-inganno-della-percezione-libro-87075
Pubblicato: 25 Gennaio 2015
Scritto da Cristina Bassi http://thelivingspirits.net
David-Icke-Quotes-4

 

Il mondo è clinicamente pazzo e dobbiamo al più presto prendere atto di questa pura verità. Questo deve essere il punto di partenza di ogni indagine sulla natura di questa ‘realtà’. Inizia altrove, e la trama è talmente lunga da non non poter essere più ricostruita. Quindi ecco la 1 lezione: il mondo è impazzito … andato, sbarellato. Nessuna rockstar è mai stata anche solo lontanamente così fuori……………… Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

SERGIO MATTARELLA E UN PAESE CHE SI SPEGNE NEL SILENZIO

Quirinale: Mattarella ancora a Consulta,lascia sala annuncioFONTE: SENZASOSTE.IT

L’elezione di Sergio Mattarella a dodicesimo Presidente della Repubblica italiana si è svolta ancora secondo riti cerimoniali piuttosto consolidati. Prima di tutto si tratta di una figura tutta interna ad una carriera nelle istituzioni della prima repubblica. Come, nella seconda repubblica, era già accaduto per Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano. Oltretutto siamo di fronte ad un presidente di chiara matrice democristiana, già ministro dei governi Goria, De Mita e Andreotti. Come dire, a quelle altezze il berlusconismo, figuriamoci la Lega o il Movimento 5 Stelle per non parlare della sinistra post-muro, altro non sono che fenomeni che si agitano confusamente sulla lontana superficie.

Fenomeni che hanno certamente cambiato i partiti in cartelli elettorali, o i quadri politici in figure incerte tra il management di voti e il procacciamento di affari, ma che non hanno, almeno fino ad oggi, modificato sostanza e codici di riproduzione del ceto politico e amministrativo fatto di grand commis di stato. Del resto se l’infrastruttura di ministeri importanti è ancora in mano a dirigenti della prima repubblica, o comunque con evidente taglio formativo di quel periodo, non c’è affatto da stupirsi di vedere un presidente Dc………………. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

LA RUSSIA NEL MIRINO

Russia-Today-mapRussia Today

DI PAUL CRAIG ROBERTSImage: Vladimir Putin

paulcraigroberts.org (comedoncisciotte.org)

L’attacco di Washington alla Russia è passato dal regno dell’assurdo a quello della follia

Il nuovo capo del Consiglio dei Governatori delle Emissioni Radiotelevisive Statunitense (the U.S. Broadcasting Board of Governors) Andrew Lack, ha dichiarato che il servizio multilingue di stampa Russa RT va considerato come una vera e propria organizzazione terroristica al pari di Boko Haram e dello Stato Islamico, mentre Standard&Poor ha appena declassato il rating della Russia a livelli da “spazzatura”.

Oggi la RT mi ha intervistato su questi ultimi assurdi sviluppi internazionali…….. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

GLI STATI UNITI SONO RIDOTTI ALLA DISPERAZIONE

obama-s DI DMITRY ORLOV

cluborlov.blogspot.it  (da comedonchisciotte.org)

I leaders degli Stati Uniti sanno benissimo che i giorni del loro paese come “più grande produttore mondiale di petrolio” si misurano ormai in settimane o in mesi, e non in anni.

Nel corso del 2014 il prezzo del petrolio è caduto da oltre 125 a circa 45 dollari al barile, e potrebbe ulteriormente calare per poi risalire di nuovo, salvo cadere e risalire ancora. Questo tanto per rendere l’idea.

Il selvaggio saliscendi del mercato del petrolio, quello ancor più selvaggio dei mercati finanziari, la crisi valutaria, la bancarotta delle società energetiche e quella degli istituti che le hanno finanziate, il default dei paesi che le hanno sostenute … porteranno l’economia industriale al collasso……. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

1950, benvenuti nella nuova era dell’Antropocene

Da: ilcambiamento.it

Un nuovo dossier dell’International Geosphere-Biosphere Programme, in collaborazione con lo Stockholm Resilience Centre, fissa l’inizio della Grande Accelerazione agli anni Cinquanta del Novecento. Nel video, tradotto dalla nostra redazione e reso disponibile al pubblico italiano, un viaggio di 3 minuti attraverso gli ultimi 250 anni della nostra storia.

di Massimo Nardi – 22 Gennaio 2015

Il titolo del dossier è “The trajectory of the Anthropocene: The Great Acceleration”, pubblicato pochi giorni fa sull’Antrophocene Review, e condotto dall’International Geosphere-Biosphere Programme (Igpb), in collaborazione con lo Stockholm Resilience Centre. Il nucleo del discorso è il seguente: a partire dagli anni ’50 del Novecento, la Terra è entrata in una nuova era, denominata Antropocene, a causa della “Grande Accelerazione” dell’attività umana, soprattutto quella economica, che rappresenta la causa principale del cambiamento del sistema Terra, inteso come somma dei processi fisici, chimici, biologici ed umani in interazione tra loro. «Nel giro di una generazione – afferma il Professor Will Steffen, che ha guidato il progetto – l’umanità è diventata una forza geologica su scala planetaria». …………………….. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

American Sniper: l’industria della propaganda

Da: luogocomune.net

di Fefochip

Di recente sono andato a vedere American Sniper. Lo so cosa state pensando: ma chi te lo ha fatto fare?

Che vi devo dire, ormai non vedo più i trailer altrimenti mi brucio i film, le recensioni sono inaffidabili e purtroppo anche le opinioni degli amici lasciano molto a desiderare. Fatto sta che un pò per uscire di casa, un pò per dare la possibilità a un film americano di sorprendermi, ci sono andato.

Il film è iniziato ponendo subito il protagonista in un dubbio amletico: che faccio, ammazzo un bambino se sta per lanciare una bomba sui miei compagni? Il regista, furbo come una faina, fa un flashback per farci capire come il protagonista sia finito in quella situazione di merda.

La storia del protagonista non può che essere quella del più banale cowboy bisteccone che, visto che la sua vita è la quintessenza della mediocrità, si arruola per servire la Patria. Gli fanno il solito training che piace tanto agli ammericani, dove tra una flessione e una vessazione del sergente-tanto-cattivo si forgiano i veri uomini (sembrano riecheggiare nelle nostre orecchie le parole del celebre sergente inquadratore: dal Texas arrivano solo tori da monta o froci no?).

Arriva l’11 settembre e quindi il protagonista, un super-cazzuto Seal tiratore scelto, parte per l’Iraq.

Il flashback finisce, il regista ci riporta al presente, e vediamo che il ragazzino è armato dalla mani della madre (?) con una bomba……………. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

Facebook apre la strada ai debunkers

cicap01Da: luogocomune.netfbcensored

Piano piano, quatto quatto, il debunking di regime sta per arrivare anche su Facebook.

I responsabili di FB infatti hanno deciso di introdurre un nuovo sistema di filtratura, che permetterà di segnalare ai lettori le presunte notizie-bufala trovate sulle loro pagine.

Naturalmente Facebook si lava immediatamente le mani (la classica excusatio non petita) da qualunque sospetto di censura, dicendo che saranno i lettori stessi a segnalare le bufale da evidenziare. Ecco come FB presenta la novità sulla propria pagina di news:

“Molta gente ci dice che vogliono vedere circolare meno storie false, o comunque meno notizie distorte. L’aggiornamento del News Feed ridurrà la diffusione di post che i lettori avranno segnalato come “bufale” (“hoaxes”), e aggiungerà una notifica ai post che avranno ricevuto molteplici segnalazioni di questo tipo, in modo da allertare gli altri lettori di Facebook. Noi non rimuoveremo le notizie che la gente denuncia come false, nè saremo noi a valutarne i contenuti o a determinarne l’accuratezza”.

Certo che no. Saranno quelli del CICAP a farlo, ci potete scommettere. Già possiamo immaginare orde di cicappini di mezzo mondo che si organizzano e iniziano a battere sistematicamente le pagine di FB, per poi intervenire in massa su qualunque notizia “loro” decidano che sia falsa…………….. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

PERCHE’ LA GERMANIA CONTINUA A RIMPATRIARE IL SUO ORO DA USA E FRANCIA ?

o.191096 da: comedonchisciotte.org

FONTE: RT.COM

La Banca centrale tedesca, la Bundesbank, continua a rimpatriare le sue riserve d’oro depositate presso la US Federal Reserve e la Banca di Francia.

Secondo un comunicato stampa rilasciato dalla Bundesbank, nel 2014 è stato rimpatriato a Francoforte un totale di 120 tonnellate di oro. Di queste, 35 tonnellate di oro sono stati rimosse dalla Banca di Francia a Parigi e 85 tonnellate dalla Federal Reserve Bank di New York. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

L’ITALIA CHE VA A PUTTANE

IMG_1462~0DI PAOLO CARDENA’

vincitorievinti.com  da comedonchisciotte.org

La crisi, che si protrae ormai dal 2008, ha determinato l’esplosione dei debiti sovrani pressoché in quasi tutti iPaesidell’eurozona. Molti Stati, tra cui l’Italia, sono in uno stato di conclamata bancarotta. Tuttavia, grazie all’azione delle banche centrali, vengono mantenuti appositamente in una vita apparente, per più tempo possibile, al solo fine di rimborsare i creditori grazie ad azioni di esproprio (1) perpetrate verso chi ha avuto l’arguzia e la capacità di accumulare qualche risparmio o qualche forma di benessere……………………………………. Leggi tutto

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone