fonte: http://www.neovitruvian.it/

(stampalibera.com)

Olimpiadi 2012: La cerimonia di apertura (Prima Parte)

 

La cerimonia di apertura delle olimpiadi, diretta dal regista Danny Boyle (Trainspotting e The Milionare tra i titoli più famosi), è stata una fastosa e suggestiva interpretazione della storia del Regno Unito, che ha mostrato, in chiave evocativa, i più grandi successi nello sviluppo tecnologico/sociale ottenuti dalla Gran Bretagna. Chi, tuttavia, sa leggere ed interpretare la realtà avrà sicuramente colto, a diversi gradi, la presenza di un fattore “altro” che procede parallelo allo svolgimento di queste olimpiadi 2012.

 

……………………………………..

 

INTRODUZIONE

 

Per fattore “altro” intendo il blatante sionismo, nascosto in bella vista, ad esempio nel logo delle olimpiadi:

Zion (Sion) termine ebraico riferito a Gerusalemme. I sionisti difendono i crimini perpetrati dalla loro creatura, Israele, influenzando la cultura umana a tutti i livelli

Dai tempi di Mosè, una cabala segreta fu la custode delle «più sublimi verità della religione ebraica” e, a differenza dell’ebreo medio, era determinata a dominare il mondo. Consiglio la visione di questo video per chiarire al meglio la posizione sionista.

Un altro elemento, contestualizzante sono le mascotte di queste olimpiadi ovvero Wenlock e Mandeville (we unlock man Devil)

La Mascotte olimpica e paraolimpica racchiudono una forte dose di simbologia e numerologia

 

Oltre all’occhio che tutto vede, possiamo trovare ulteriori simbologie/numerologie interessanti:

 

Data in cui sono state presentate al pubblico: 19/05/2010 = 18 ridotto a 666 = 33:33:33

Lettere sulla testa: W & M = 33

La Mascot a sinistra porta sul capo una Piramide che simboleggia l’unione di 3 punti con  3 linee = 33

La Mascot a sinistra invece ha 6 tacche sollevate = 33

Ogni Mascot ha un “occhio che tutto vede” = 11

 

Sul sito delle olimpiadi rivolto ai bambini si possono creare, con un editor, ben 47243 Mascot diverse….ma dalla simbologia unica

I più importanti nomi della politica, dell’informazione e del potere in generale sono in mano a questa setta sionista che vuole dominare il mondo:

 

 

 

 

 

 

 

Carlo d’Inghilterra

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Brown

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Blair

 

 

 

 

Tutto questo per contestualizzare l’evento di apertura delle olimpiadi. La Gran Bretagna è la patria della massoneria e attualmente vi sono circa 500.000 massoni sul territorio britannico.Questa società segreta utilizza rituali e simbologie cabalistiche per dominare e controllare le masse, celebrando la sua grandezza durante rituali di massa che raggiungono svariati milioni di individui.

UN’INVOCAZIONE A NIMROD

La cerimonia si apre con l’esecuzione del brano “Nimrod” di Edward Elgar. I liberi muratori fanno riferimento a Nimrod come ad uno dei fondatori della massoneria. Era un potente monarca mesopotamico che fondò la città di Babilonia, costruì la prima città post – diluviana ed è tradizionalmente associato alla torre di Babele.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nimrod il cacciatore. Nimrod cercò di allontanare gli uomini da Dio costituendo un governo tirannico e imponendo una nuova religione. Un “Nuovo” Ordine Mondiale se vogliamo

 La storia di Nimrod e della Torre di Babele appare in numerosi testi di antiche culture tra cui quella ebraica, quella islamica, la greca e nella Kabbalah. Nimrod è considerato il fondatore e il re del primo impero dopo il diluvio. Il suo regno comprende Babilonia (Babel), Uruk, Akkad e Calne. Egli è noto per essere un re che impose la tirrania al suo popolo e cercò di eliminare qualsiasi credenza religiosa.

“Nimrod era eccitato da un simile affronto a Dio. Era il nipote di Cam, figlio di Noè, un uomo coraggioso e di grande forza. Ha convinto il popolo a non inchinarsi di frone a Dio ma di credere che era stato il loro coraggio, a procurar felicità a Babilonia. Inoltre ha gradualmente mutato il governo in tirannia, non vedendo altro modo di eliminare la paura di Dio dagli uomini e allo stesso tempo, farli dipendere completamente da lui … Ora la folla era pronta a seguire la determinazione di Nimrod e a mostrare a Dio il frutto della loro blasfemia.  ”Stando ai racconti biblici, Babele fù la città che unì l’intera umanità, tutti parlavano la stessa lingua. Nimrod decise che la città dovesse avere una torre  così immensa che “la sua punta doveva toccare il cielo”. Quella torre non fù eretta per la lode e il culto di Dio, ma fù costruita a dimostrazione di come l’uomo possa raggiungere Dio.

 “Dio non ha alcun diritto di scegliere il mondo di sopra per se stesso, e di lasciare a noi il mondo inferiore, quindi ci costruiremo una torre, con un idolo nella parte alta che impugna una spada, in modo che possa rappresentare la nostra dichiarazione di guerra a Dio “.

Dio, vedendo la natura blasfema della Torre, diede una lingua diversa ad ogni popolo per confonderli. Nell’impossibilità di continuare il lavoro le persone si sparsero per il mondo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La torre di Babele

 

 

 

 

 

 

 

 

Il parlamento Europeo. L’elite ha evidentemente preso spunto dalla torre di Babele per costruire l’edificio sede del parlamento Europeo. L’EU viene infatti vista come una Grande Opera intermedia (l’unione di più stati in un unico governo) verso un Nuovo Ordine Mondiale

Sappiamo che gli Israeliti erano i costruttori dei monumenti per il Faraone. Sappiamo che la Massoneria è legata all’ordine degli scalpellini. Sappiamo anche da molte fonti che i Rothschild si considerano i discendenti di Nimrod. Altre fonti (per esempio, William Josiah Sutton, The Illuminati 666, 198) fanno notare che Nimrod fu il primo a insegnare le arti muratorie, un esempio su tutti è la Torre di Babele. Sappiamo anche che Nimrod venne associato a Baal/Moloc.

IL PARADISO PERDUTO, LA DISCESA IN BABILONIA

In queste prime scene vediamo le 4 regioni del Regno Unito (Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord) in una situazione rurale, che rappresenta le origini della nazione.

 

 

 

 

 

 

 

La vita dei britannici era tranquilla e semplice

Ciò che coglie la nostra attenzione, però è la collinetta con in cima un albero che svetta sull’intera scena. Data la chiave esoterica della cerimonia, l’albero rappresenta l’Albero della Conoscenza e la collina (assieme al resto del paesaggio) il giardino dell’Eden.

 

 

 

 

 

 

 

 

L’Albero della Conoscenza e il giardino dell’Eden

L’intera base della religione Misterica dell’elite è la conoscenza data ad Adamo ed Eva. Questi cosiddetti “segreti di satana” (Ap 2,24), si suppone rendano l’uomo eguale a Dio. Il fatto che questa conoscenza è posta sulla cima di una ziggurat non è una sorpresa visto che Satana cerca sempre di apparire come il più elevato, utilizzando montagne, piramidi, zigguarats e torri per ascendere lui stesso. Vi è anche un chiaro riferimento visivo alla Torre di Babele discussa in precedenza.

IL RITUALE DI “PURIFICAZIONE”

Come parte del rituale Olimpico il popolino inglese è stato invitato a partecipare al Work No. 1197 – coloro che cercano collegamenti numerologici all’11 settembre o al 7 luglio ( date attentati) non dovrà fare molta fatica. Altri possono notare che 1 +1 +9 +7 = 18 (6 + 6 + 6).Work No. 1197: Tutte le campane del paese suoneranno il più rapidamente e forte possibile per tre minuti e sarà proprio.

 

 

 

 

 

 

 

Le campane venivano utilizzate nei rituali antichi per produrre potenti vibrazioni

La campana viene spesso usata per invocare la Dea nei rituali wicca di stregoneria. Le campane vengono suonate durante i rituali per segnalare l’inizio o la fine di un incantesimo. La porzione esterna di una campana viene ritenuta essere la parte femminile. Il martello ovviamente rappresenta la parte maschile Suonare una campana significa e celebra un’occasione o un momento nel tempo, purificando lo spazio circostante. Percezione e consapevolezza possono essere modificate tramite il suono di una campana. Le campane vengono utilizzate dai Wicca per segnalare determinate porzione di rituale.

 

 

 

 

 

 

 

L’ultima volta che venne suonata una campana alle Olimpiadi fu nel 1936 ai giochi di Berlino nella Germania nazista.

Il rituale nazionale si è svolto alle 08:12 del mattino del 27 luglio, il giorno dell’apertura delle Olimpiadi 2012. Un orario quello delle 08:12 a dir poco inusuale, Ian R. Crane ipotizza che sia il contrario di 12/8 (12 agosto) cioè quando avrà luogo la cerimonia di chiusura dei gioche olimpici. I membri dell’elite occulta sono conosciuti per utilizzare numeri e simboli al rovescio: il 12 agosto, potrebbe essere una data particolarmente significativa per questa cabala di illuminati. Le campane sono state suonate ininterrottamente per 3 minuti o 3 x 60 secondi (666). Il servizio della BBC sui preparativi per l’evento è stato girato sul Devil Bridge” in Galles.

 

Olimpiadi 2012: La cerimonia di apertura (Seconda parte)

 

La cerimonia di apertura delle olimpiadi 2012 ha colpito il pubblico per la maestosità con cui è stata realizzata. Tuttavia, per gli iniziati e per coloro che “sanno vedere”, c’è un racconto ben più profondo e occulto che celebra l’ascesa della “razza eletta” sul popolo. Continuando ad analizzare, nel dettaglio, le parti della manifestazione, faremo emergere questo significato ai più oscuro. Se non lo avete fatto, prima di iniziare, vi consiglio la lettura della prima parte.

 

 

 

 

 

 

 

GERUSALEMME (SION)

Dopo il suono della campana, possiamo ascoltare le note di Jerusalem, un’opera di William Blake (1757-1827), un’artista, poeta, visionario e veggente inglese il quale sosteneva che le sue poesie gli venivano dettate da ‘Immortali’, ovvero dei e dee di altri mondi, che riusciva a percepire con la sua “visione interiore”

E quei piedi nei tempi antichi

Camminarono sulle verdi montagne d’Inghilterra?

Ed il Sacro Agnello di Dio

Fu visto negli ameni pascoli d’Inghilterra?

E il Volto Divino

Splendette sulle nostre colline nuvolose?

E fu Gerusalemme fondata qui,

fra questi oscuri mulini satanici?

Portatemi il mio arco d’oro ardente

Portatemi le mie frecce del desiderio

Portatemi la mia lancia! Oh nubi, apritevi!

Portatemi il mio carro di fuoco!

Non cesserò mai di combattere la mente

E la mia spada non dormirà nella mia mano

Finché non avremo fondato Gerusalemme

Nella verde e amena terra d’Inghilterra.

 

 

 

 

 

 

 

 

William Blake, una illustrazione per l’opera Jerusalem. L’autore visionario credeva nella venuta di una nuova Gerusalemme (Zion). L’immagine contiene molta simbologia, in primo piano possiamo vedere il demiurgo che stringe nella mano destra (attività, forza) il martello con cui forgiò i cieli e la Terra, nella mano sinistra invece ha un compasso con cui innestò la dualità nell’universo. Sullo sfondo ai lati la rappresentazione degli opposti ovvero la parte attiva con il sole e la parte passiva con la luna (Jachin e Boaz, per approfondire Significato esoterico delle due colonne massoniche: Jachin e Boaz”)

 L’emblema più importante della Massoneria universale è il compasso e la bussola con la lettera “G” all’interno. L’autore di Scarlet and the Beast, John Daniel osserva che esso rappresenta gli strumenti utilizzati dal Grande Architetto della Loggia (il falso Dio) per creare i cieli e la terra. In realtà, la lettera “G” rappresenta lo gnosticismo, la dottrina centrale della Massoneria, e il processo generativo (atto sessuale). La massoneria è, come osserva Daniel, un culto sessuale.

La massoneria Inglese (Gran Loggia Unita di Gran Bretagna) sostituì con un braccio umano che brandisce un martello la tipica “G” contenuta nel logo. Questo simbolo rappresenta il Massone come Costruttore, come “uomo al lavoro” creatore dei cieli e della terra. Così facendo l’uomo diventerebbe Dio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ve le ricordate? Non è un caso che tale opera fosse rappresentata sulla moneta da 50 lire.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

William Blake – Urizel As The Creator Of The Material World – 1794. Questa figura di divinità solare può essere ritrovata in tutte le antiche culture (ad esempio in Egitto si sviluppò il culto di Aton)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un esempio moderno del culto demiurgico si trova al Rockefeller Center dove vediamo lo stesso principio esposto sopra scolpito sulla parete principale

Ci troviamo alla radice religiosa della dottrina della massoneria e degli illuminati: Il grande architetto (demiurgo) contrapposto alla Divinità invisibile creatrice del tutto. Gli illuminati desiderano ottenere l’immortalità fisica e il dominio sul mondo materiale facendo, gioco forza, il volere luciferino, ovvero mantenere le anime intrappolate nella materia.

Nella cerimonia di apertura notiamo il popolo del Regno Unito che conduce la propria vita, in armonia con la natura.

 

 

 

 

 

 

 

Da un punto di vista superficiale la scena mostra il popolo della Gran Bretagna alle origini. Contestualizzandolo all’interno della cerimonia è simbolico del giardino dell’Eden, nella quale le persone vivevano a contatto con Dio che provvedeva ai loro bisogni tramite la natura

Questo scenario non è gradito all’elite satanista in quanto in completo disaccordo con le proprie dottrine. L’uomo doveva elevarsi a livello divino con il proprio lavoro, che si esemplifica nella trasformazione progressiva subita, nel corso della cerimonia, dalla popolazione e dal territorio britannico: la tecnologia, mezzo umano per assurgere alle mancanze di spirito, viene divinizzata ed utilizzata per elevarsi al grado di divinità.

GENERAL OMNIBUS COMPANY

Proseguendo nella cerimonia vediamo entrare delle carrozze della General Omibus Company, ovvero la società di trasporti che unì le varie compagnie indipendenti del Regno Unito, formando una sorta di monopolio.

La London General Omnibus venne fondata nel 1855 per amalgamare e regolare i tanti e indipendenti servizi di trasporto a cavallo operanti a Londra. In origine era una impresa anglo-francese, conosciuta anche come la Compagnie Générale des Omnibus de Londres, la LGOC divenne ben presto il più grande operatore di trasporti a Londra. Comprò centinaia di compagnie indipendenti e stabilì, per la sua flotta, un livello di servizio omogeneo e uniforme. Nel giro di un anno, la LGOC controllò 600 degli 810 omnibus di Londra. Fonte

 

 

 

 

 

 

 

La General Omnibus Company rappresenta la venuta del progresso e della tecnologia che hanno trasformato la Gran Bretagna nell’attuale potenza politica/economica

Salta subito all’occhio la diversità tra i due gruppi di persone che compaiono nella scena. Da un lato abbiamo il popolo che vive nella semplicità e nel rispetto della natura, dall’altro abbiamo una elite di uomini d’affari di successo, unita da interessi personali, sofisticata e pronta, come nell’antico mito di Prometeo, a innestare la “scintilla divina” nelle masse ignoranti. Come ben illustrato in questo filmato l’obiettivo degli illuminati è quello di raggiungere Dio tramite la tecnologia.

Controllando i mezzi di trasporto, le vie di comunicazioni e quindi l’informazione stessa gli illuminati, si sono assicurati un portentoso sistema per assoggettare il gregge (goyim). Questo fattore è visibile nell’immediato proseguo dell’evento, con la narrazione de “La tempesta” di Shakespeare e ancora nella rappresentazione dei decenni del dopoguerra (che vedremo in un altro capitolo dedicato alla cerimonia di apertura delle olimpiadi).

 

 

 

 

 

 

 

Le persone non comprendono ciò che sta avvenendo

LA TEMPESTA

Kenneth Branagh, travestito da Isambard Kingdom Brunel, uno dei più versatili, prolifici e talentuosi ingegneri della storia (ottimo personaggio per simboleggiare un Gran Maestro della Massoneria) legge ai suoi compagni e al popolo del Regno Unito “La tempesta” di Shakespeare. Quest’opera ha origine nel 1610-11 ed è generalmente accettata come l’ultimo dramma che Shakespeare scrisse da solo. Gli studiosi hanno notato le numerose analogie tra il lavoro finale di Shakespeare e l’ultimo libro del famoso occultista, Francis Bacon, la Nuova Atlantide.

 

 

 

 

 

 

 

 

Kenneth Branagh narra l’opera “La tempesta”

Ecco lo spezzone della poesia “La tempesta” narrata durante la cerimonia:

 ”L’isola è piena di questi sussurri,

 di dolci suoni, rumori, armonie…

 A volte son migliaia di strumenti

 che vibrando mi ronzano agli orecchi;

 altre volte son voci sì soavi,

che pur se udite dopo un lungo sonno,

mi conciliano ancora con Morfeo,

e allora, in sogno, sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori

pronti a piovermi addosso; ed io mi sveglio,

nel desiderio di dormire ancora”.

Il discorso è la spiegazione che Calibano fornisce a Stefano e Trinculo riguardo i misteriosi rumori avvertiti nell’isola, come la musica dell’invisibile Ariel, frutto della magia di Prospero. I rumori “danno piacere e non feriscono”, in quanto Calibano ha imparato ad accettare e a godere della sua servitù. Calibano afferma che se venisse risvegliato dopo un lungo sonno i rumori lo riporterebbero tra le braccia di Morfeo di nuovo, continua dicendo, che nei suoi sogni, si trova ricoperto di ricchezza – che povero illuso! Calibano si è così adattato all’inganno di Prospero, che se venisse svegliato piangerebbe per poi “sognare ancora”. Il discorso di Calibano ci permette di comprendere il suo profondo legame alla magia di Prospero, che ha il potere di tenerlo in un piacevole stato di schiavitù inconsapevole invece di essere sveglio e consapevole. Prospero rappresenta gli Illuminati e Calibano il popolo. La magia di Prospero rappresenta il divertimento/intrattenimento della cerimonia d’apertura olimpica, uno spettacolo studiato per distrarre le masse e far provar loro emozioni positive.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Illustrazione della poesia “La tempesta”. L’elite ci considera animali da ammaestrare

Ne “La tempesta” i viaggiatori arrivano su un’isola governata da Prospero, il Magus in grado di padroneggiare le forze della natura. Ne “La nuova Atlantide” i viaggiatori arrivano in un’isola controllata dalla “Casa di Salomone”, che ha raggiunto il dominio su tutta la natura. Lo scritto rappresenta la visione di Bacon del dominio umano sulla natura. Entrambe le opere raffigurano i viaggiatori che arrivano in un’isola piena di meraviglie. Nel primo caso le meraviglie della scienza, nel secondo caso le meraviglie della magia, le quali, conferiscono entrambe il dominio sulla natura. E’ importante notare che per Bacon,  la scienza nella sua forma più alta, è la magia. I paralleli superficiali tra “Nuova Atlantide” e “La Tempesta” sono evidenti. Ma sotto la superficie ci sono molti più paralleli, che creano identità più specifiche. Esiste il fondato sospetto infatti, che Bacon sia il vero autore dell’opera la Tempesta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sia “La Tempesta” che “Nuova Atlantide” raffigurano società governate da un élite divenuta divinità grazie alle sue conoscenze occulte. Entrambe le opere mostrano la filosofia dietro a società segrete quali i Rosacrociani, i Massoni e gli Illuminati.

 

Continua…

Condividi...!
Share on Google+Share on LinkedInShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>